Passata l’estate le macchie solari diventano sempre più evidenti soprattutto nelle zone particolarmente esposte: viso, collo, mani. Così in autunno, l’abbronzatura lascia il posto al colorito naturale della pelle; colorito che il più delle volte, risulta compromesso dall’abbronzatura, dalle rughe e dai segni indelebili del tempo.

Le macchie solari si manifestano su tutti i tipi di pelle:

Non conta né il sesso né l’età. Esse sono il frutto di un sole sempre più “cocente” danneggiato da agenti atmosferici inquinanti. Se consideriamo poi, la voglia sfrenata di tintarella, il cocktail diventa micidiale. A peggiorare la situazione sono anche diversi fattori:

  • Fattore genetico
  • Invecchiamento cutaneo
  • Squilibri ormonali
  • Farmaci fotosensibilizzanti (antibiotici, antinfiammatori, pillola anticoncezionale)
  • Creme e profumi

Tecnicamente, le macchie solari si manifestano quando l’abbronzatura subisce uno squilibrio e la distribuzione del pigmento diventa irregolare. Per riparare, o almeno attenuare questo spiacevole inconveniente esistono per fortuna tante soluzioni.

Come correre ai ripari: sos macchie solari

Oggi su Annastyle parleremo dei metodi che, sul web (forum, blog di settori e personali) hanno avuto maggiore riscontro; anche se l’ultima parola, va sempre all’ esperto dermatologo.

NOTE: I trattamenti sulla pelle vanno fatti in inverno.

METODO 1 – Il primo metodo è dedicato a tutte quelle persone che vogliono risolvere subito il problema. Per loro, abbiamo pensato la crioterapia, il peeling di depigmentazione, il laser o la luce pulsata.

METODO 2 – Il secondo metodo lo consigliamo invece alle persone che hanno pazienza e che vogliono un trattamento meno invasivo. Un buon esempio è il peeling brasiliano.